Addio odore di sudore – Upgrade 2015

Aggiorno il mio articolo sull’odore di sudore rimosso dai capi con questa mia nuova routine, legata alla mia ricerca di prodotti ecologici ed efficaci non solo per il bucato ma anche per il mio portafoglio: una volta finiti, infatti, cerco sempre di risparmiare ricorrendo all’autoproduzione.

Routine aggiornata per il bucato – operazione sudore.

In generale le magliette lavate con il mio sapone per lavatrice ecologico, abbinate ad un programma di lavaggio a 60°C, non presentano sgadevoli odori. Ma dove fosse richiesto un intervento mirato si procede nella seguente maniera:

  1. Una volta identificate le maglie si girano dal lato rovescio, si inumidiscono le zone delle ascelle e si strofina con del sapone di marsiglia.  Si lascia agire 5 minuti e si procede con il lavaggio abituale.
  2. In alternativa si può preparare uno sgrassatore al sapone di Marsiglia: si prepara una soluzione fatta con metà sapone-metà acqua in peso portato a bollore e versato all’interno di uno spruzzino. In questo modo si può evitare di inumidire la maglietta prima. Si consiglia comunque di sfregare il tessuto con una spazzola per permettere al sapone di penetrare nelle fibre.

http://www.deabyday.tv/casa-e-fai-da-te/lavori-domestici/guide/4964/Come-usare-il-sapone-di-Marsiglia-in-casa.html

 

Immagine via Pexels

Annunci

Sapone per lavatrice fatto in casa – Upgrade!

Dopo aver deciso di iniziare la shopping ban, ed aver censito tutti i prodotti per la pulizia che ho in casa, ho deciso che:

  • per il 2015 non devo più comprare sapone per bucato, ma consumare quello che ho in casa
  • preparare il sapone in polvere per il bucato, possibilmente borax free ed ecologico

Sapone borax free

Ecco quindi che la mia ricetta per il sapone viene migliorata  e rimpiazzata!

  • 1 cup sapone di Marsiglia ECOR frullato
  • 1 cup soda solvay
  • 1 cup bicarbonato
  • 1/2 cup sale fino
  • 1/4 cup acido citrico
  • 1/4 cup percarbonato

Questa ricetta contiene Percarbonato e Acido citrico, ed è stata ideata da me sbirciando qui e qui.

Dosi: ne bastano due cucchiai a carico pieno, io preferisco metterlo nell’ovetto, così si scioglie bene, evita di sporcarmi la vaschetta, e aumenta l’azione meccanica della lavatrice.

Nota: va conservato in contenitori con il tappo, tende a compattarsi! Io ho anche aggiunto una bustina di garza contenente del riso per assorbire l’umidità, ma vanno bene anche le bustine di gel di silice che si trovano nelle borse o nelle scarpe appena acquistate.

La formulazione l’ho testata sia su lenzuola lavate a 60°C che su cotone colorato a 40°C: il risultato è più che soddisfacente, capi puliti, morbidi e senza profumi.

Inoltre evito l’uso del perborato, che già durante la preparazione del sapone mi irritava le vie respiratorie.

 

Immagine via Pexels

Sapone per Bucato Fatto in Casa

Qual è uno dei modi per risparmiare? Fare da sè i prodotti per la casa.

Uno sei prodotti che mi trovo a comprare spesso (per via delle molte lavatrici) è il sapone per bucato. Ho trovato molti suggerimenti per farlo da sè, con quattro semplici ingredienti.

Ho preso spunto dalle ricette presenti in questi due siti, mom4real e OGTJ per le dosi. Ho utilizzato il metodo di misurazione in cups americana, dove:

1 cup = 250 ml

1/2 cup = 125 ml

1/3 cup = 80 ml

1/4 cup = 60 ml

Gli ingredienti usati sono i seguenti:

  • 1 saponetta di sapone di Marsiglia
  • 2 cups di perborato
  • 2 cups di soda Solvay
  • 3/4 cup di bicarbonato di sodio

Procedimento:

Si grattugia la saponetta per ridurre il sapone di Marsiglia in scaglie. Io ho usato una grattugia, ma si può usare anche un frullatore. Si procede ora in un luogo ben aerato e lontano da bambini o animali domestici. Sia il perborato che la soda Solvay sono caustici e irritanti, per cui occorre prendere le dovute precauzioni. Se si opera in un ambiente chiuso procurarsi una mascherina. Si pongono le scaglie in un vaso che andrà a contenere il sapone per bucato, oppure dentro un sacco resistente (dopo si dovrà agitare per mescolare!), e si aggiungono gli altri tre ingredienti con cautela per evitare la polvere, e si agita il tutto per amalgamare gli ingredienti.

Ed ecco il sapone è pronto all’utilizzo! Si mettono 2 cucchiai nella vaschetta e si fa partire il normale programma di lavaggio!

Si può usare anche per pretrattare le macchie, mescolando mezzo cucchiaio con 2 cucchiai di acqua tiepida, creando così una pasta. Sconsiglio però l’uso di candeggina nel lavaggio perchè si possono creare dei buchi.

Al posto del sapone si Marsiglia si può usare una saponetta qualsiasi, io ad esempio ho grattugiato una saponetta che ho trovato essere troppo aggressiva per la mia pelle, e ho ottenuto un sapone profumatissimo. Il profumo addirittura risulta essere più persistente.

Ho già dato una versione trial a mia mamma, e potrebbe essere un’idea regalo per Natale in questi tempi di crisi.